Spiegazioni Posa Isolamento Acustico Solai - SORGEDIL - Milano - Isolamento Acustico Milano

Vai ai contenuti

Menu principale:

INFO UTILI > GUIDA INSONORIZZAZIONE



  POSA SOLAI  




I solai devono garantire in opera, ad edificio ultimato, un adeguato isolamento ai rumori da calpestio.

Il DPCM 5-12-1997, la legge che in Italia definisce i valori limite di isolamento dai rumori, indica ad esempio che i solai divisori tra appartamenti devono essere caratterizzati da un indice di livello di rumore da calpestio (L’nw) pari o inferiore a 63 dB. Questo significa in sostanza che se attivo sul solaio una “sorgente di rumore da calpestio”, una macchina con 5 martelli metallici, nell’ambiente disturbato dovrò rilevare un livello globale di rumore da calpestio pari o inferiore a 63 dB.
Se invece si misura un indice L’nw più elevato, ad esempio 65 o 70 dB, significa che dal solaio “passa troppo rumore” e quindi la partizione non rispetta il limite di legge.


Vedi le foto delle nostre ultime lavorazioni soffitto autoportante Soluzione Relax Superior+ (CONSIGLIATA)


Vedi foto Insonorizzazione Parete Soluzione Tranquillità Superior con tinteggiatura ( CONSIGLIATA )


Vedi foto delle nostre ultime lavorazioni insonorizzazione pavimento Soluzione Riposo Top ( CONSIGLIATA )



Altre destinazioni d’uso hanno limiti differenti, riportati nella tabella che segue:


Categorie di ambienti

L'nw

Residenze, alberghi, pensioni

63

Ospedali, cliniche, case di cura, scuole a tutti i livelli

58

Uffici, attività ricreative o di culto, attività commerciali

55


Si ricorda che i valori limite più bassi sono i più restrittivi! Quindi, ad esempio, i solai delle scuole (L’nw <= 58 dB) devono isolare dai rumori da calpestio meglio dei solai delle residenze (L’nw <= 63 dB).


Il massetto galleggiante

Per isolare un solaio dai rumori da calpestio si può utilizzare la tecnologia del massetto galleggiante.

Si tratta in sostanza di posare, tra il massetto del pavimento e tutti gli elementi al contorno, un materiale elastico in grado di ridurre la trasmissione di vibrazione e quindi di rumori.

Il materiale deve risultare in opera come una “vasca” a prova di tenuta che contiene il massetto e anche il rivestimento a pavimento (piastrelle o parquet).

La “vasca” deve essere continua, senza spaccature o rotture e deve distaccare completamente il massetto e il pavimento da tutto ciò che sta intorno (solaio portante e pareti laterali).

Attenzione!

  • I materiali anticalpestio non sono tutti uguali. Esistono materiali che consentono di ottenere prestazioni migliori di altri. Il progettista acustico deve indicare che tipo di materiale usare nell’edificio che si sta costruendo. Se si decide di cambiare materiale si deve sempre chiedere consiglio al progettista acustico.


Attenzione!

  • Il materiale “da solo” non basta! È indispensabile posarlo bene seguendo tutte le indicazioni di posa di questo manuale. Altrimenti in opera non si raggiunge il risultato sperato, anche se è stato usato il materiale più costoso…



Sotto il materiale elastico

Lo strato di livellamento sul quale andrà posato il materiale elastico dovrà essere piano e privo di qualsiasi asperità . Eventuali canalizzazioni impiantistiche dovranno essere livellate.

Nel caso la copertura degli impianti venga realizzata utilizzando massetti alleggeriti, è necessario verificare che gli stessi siano omogenei. Eventuali concentrazioni di materiale per alleggerimento potrebbero determinare crepe o spaccature che peggiorano l’isolamento al calpestio.

Il materiale elastico deve essere posato sopra lo strato di livellamento degli impianti. In tal modo si evita di forare il risvolto verticale del materiale quando le tubazioni salgono a parete.


Pavimenti radianti

I pavimenti radianti contribuiscono a limitare la trasmissione di rumori da calpestio. genere però non consentono di ottenere adeguato isolamento dai rumori. Tale tecnologia infatti prevede la posa al di sotto del massetto di uno strato di materiale isolante termico come per i massetti galleggianti, di desolidarizzare tutto il perimetro del locale con materiale elastico. Il materiale isolante termico utilizzato a pavimento però generalmente è di tipo rigido (ad esempio polistirene espanso estruso o polistirene espanso sinterizzato). Pertanto non è in grado di smorzare in maniera adeguata le vibrazioni generate sul pavimento soprastante. È quindi preferibile posizionare al di sotto del materiale isolante termico uno strato di materiale elastico. Per la disconnessione lungo il perimetro invece potrà essere utilizzato un unico materiale elastico.

È inoltre necessario limitare la trasmissione di vibrazioni attraverso i tubi dell’impianto e il collettore adottando le seguenti indicazioni:

  • Posizionare le scatole dei collettori preferibilmente in corrispondenza dei corridoi degli appartamenti.


  • Desolidarizzare le scatole che contengono i collettori e i tubi dalle pareti ricoprendoli con uno strato di materiale elastico.


  • Ricoprire i tubi del riscaldamento con guaine in materiale elastico laddove i tubi dovessero forare il risvolto verticale del materiale resiliente




  DICONO DI NOI  
Hanno chiesto un preventivo, hanno scelto noi... come è andata?


Dopo mesi di ricerca su internet per ovviare al fastidioso problema dei nostri inquilini maleducati del piano di sopra abbiamo optato per la Sorgedil perchè ci sembrava che avesse un ottimo rapporto qualità dei materiali e prezzo di realizzo. Fortunatamente le nostre aspettative sono state pienamente soddisfatte. Ora riusciamo finalmente a vivere in pace a casa nostra. Le grida ora si sentono molto ovattate, il correre con i talloni dei bambini è appena percettibile, televisione e radio non esistono più. I lavori sono stati veloci (1 giorno in meno rispetto a quanto avevamo preventivato!) e gli operai sono stati molto efficienti. Insomma..molto soddisfatti!
Marco Tapella e Stefania - Turbigo (MI)


Buongiorno,volevamo io e mia moglie ringraziare la ditta Sorgedil del Sig.Sorge Vittorio per averci risolto il nostro problema.Sotto la nostra camera da letto abbiamo un monolocale e essendo mura vecchie sentivamo tutti i rumori.Abbiamo contattato la Ditta Sorgedil, che dopo un accurato sopralluogo,ci ha spiegato i motivi e la soluzione al nostro problema.Hanno fatto un controsoffitto acustico e nella nostra stanza una parete nella stessa maniera.Il lavoro è stato svolto egregiamente e anche in tempi rapidi e noi abbiamo risolto in maniera definitiva il nostro problema.Grazie ancora ora dormiamo sonni tranquilli. 
Andrea Bertoldo, Casciago (VA)


SORGEDIL - Insonorizzare soffitto
SORGEDIL - Insonorizzazione soffitto e trave



  CONTATTI  



I nostri uffici sono Aperti:
dal Lunedì al Venerdì (8.30 - 12.30) e (14.30 - 18.30)



Perchè aspettare? Chiama!

031.75.69.50 

    oppure gratis...

800.92.60.16

oppure...

   339.13.69.788

...ci trovi sempre!




 CHI SIAMO  


La SORGEDIL , grazie alla competenza e precisione del suo personale ed all'attenta cura dei particolari, è in grado di interfacciarsi con ogni realtà per offrire il miglior servizio di isolamento acustico ed insonorizzazione civile ed industriale.


Tecnico Competente in Acustica Ambientale , ai sensi dell’art. 2. commi 6 e 7 della legge 26 ottobre 1995, n° 447 e delibera regionale 17 maggio 1996, n° 13195, riconosciuto dalla Regione Lombardia con Decreto n° 4103/98.

Responsabile Ufficio Tecnico
Sorge Vittorio

Il sistema della Sorgedil è suddiviso in categorie: CASA, AZIENDA, MUSICA, LOCALI
con prodotti specifici per ogni categoria.


 CENTRI OPERATIVI  


PIEMONTE
: Alessandria, Biella, Cuneo, Novara, Torino, Verbano, Cusio, Ossola, Vercelli

LOMBARDIA: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza, Brianza, Pavia, Sondrio, Varese

EMILIA ROMAGNA: Bologna, Ferrara, Piacenza, Parma, Modena, Reggio Emilia

VENETO: Verona, Vicenza

LIGURIA: Genova, Savona

LAZIO: Roma e Provincia



Links Links Links Links

Copyright © 2015 SORGEDIL

Torna ai contenuti | Torna al menu